Articoli su Giovanni Papini

1902


Paolo Mantegazza
Giovanni Papini: Leonardo da Vinci Antropologo
Pubblicato in: Archivio per l'Antropologia e l'Etnologia, (nella rubrica comunicazioni scientifiche), anno XXXII, vol. XXXII, fasc. 3, pp. 647-648.
(647-648)
Data: maggio-agosto 1902



  647

Il Papini rintraccia tutti quei passi di Leonardo che possono riferirsi all'antropologia, specialmente quelli che contengono in germe ricerche di embriologia, di anatomia comparata, di antropometria e di fisionomia. Riporta gli accenni importantissimi che si riferiscono alle relazioni fra gli uomini e gli animali superiori, intravvedute da Leonardo, e termina con qualche notizia sulle cose etnologiche che si trovano negli scritti del pensatore da Vinci, esponendo le prove che hanno fatto credere a un suo viaggio in Egitto e in Armenia.
PRESIDENTE. — Ringrazio vivamente il socio Papini per la sua bella e interessante comunicazione, nella quale ha studiato il grande Leonardo come antropologo. Devo aggiungere ch'egli ha accarezzato, direi quasi, una delle fibre più sensibili del mio cuore, perchè, se in


  648

una delle tante inchieste che si sogliono fare in questi giorni, mi si domandasse chi sia per me il più grande degli italiani, risponderei senza esitare: Leonardo da Vinci. Egli fu sommo pittore, grande scrittore, anatomico insigne; nelle matematiche superiori toccò le più alte cime, e senza conoscere le invenzioni già fatte prima di lui, le fece una seconda volta. Nella meccanica applicata ci ha date quelle conche maravigliose, che ci permettono di salire e discendere le acque a grandi pendenze, potendosi dire di lui, che nell'arte e nella scienza fu uno dei genii più originali e più fecondi.


◄ Indice 1902
◄ Paolo Mantegazza
◄ Cronologia